VISITA GINECOLOGICA

La visita ginecologica consiste nella valutazione dell’apparato genitale femminile (genitali esterni ed interni).

Durante la visita ginecologica la paziente si siede sul lettino ginecologico a gambe divaricate. Il medico esegue l’esplorazione visiva della vulva e introduce in vagina un piccolo divaricatore in plastica monouso, che permette di visualizzare il collo dell’utero ed eseguire il Pap test.

Rimosso il divaricatore, si procede all’esplorazione vaginale: il medico, attraverso un dito in vagina, valuta le caratteristiche dell’utero e delle ovaie. La visita ginecologica può essere completata da un’ecografia transvaginale di supporto, per valutare la presenza o il sospetto di patologie come fibromi, polipi endometriali o cisti ovariche. La visita e l’ecografia non sono dolorose. Se il medico avverte tensione muscolare inviterà la paziente a rilassarsi e questo migliorerà la qualità della visita.

VISITA OSTETRICA

La visita ostetrica si differenzia dall’esame ginecologico perché svolta solo durante la gravidanza. Gli appuntamenti con la ginecologa iniziano in genere dopo la prima determinazione positiva del test di gravidanza e vengono ripetuti mensilmente fino al momento del parto per controllare l’evoluzione della gravidanza medesima.

Nel corso del primo incontro la ginecologa raccoglie le informazioni volte ad accertare lo stato di salute della futura mamma e prescrive gli accertamenti necessari in funzione sia della gestione della gravidanza che delle patologie eventualmente presenti in precedenza nonché di quelle potenzialmente trasmissibili in utero. In occasione della prima visita verrà inoltre eseguita la prima ecografia volta a rilevare la presenza in utero della camera gestazionale e del suo contenuto e, se necessario, il Pap-Test.

TEST PRENATALI E VAGICOMBY

PrenatalSafe® è un esame prenatale non invasivo che analizza il DNA fetale libero circolante, isolato da un campione di sangue materno. PrenatalSafe® prevede diversi livelli di approfondimento, grazie ai quali è possibile ottenere il quadro informativo più completo in gravidanza a oggi disponibile.

PrenatalSafe® permette infatti di verificare la presenza di aneuploidie e sindromi da microdelezione, dalle più comuni alle più rare, e di identificare alterazioni strutturali in tutti i cromosomi del feto e mutazioni correlate a gravi patologie genetiche. PrenatalSafe® un test prenatale non invasivo che rileva anomalie cromosomiche analizzando il DNA fetale libero da un campione di sangue della gestante.

Il test PrenatalSafe® 5 rileva le aneuploidie dei cromosomi 21, 18, 13 e dei cromosomi sessuali (X e Y), oltre a comprendere la determinazione del sesso fetale (opzionale).

PrenatalSafe® 5 non è adatto per gravidanze gemellari bicoriali.

L’esame PrenatalSafe® 5 può essere integrato gratuitamente con il test RhSafe®, un esame prenatale non invasivo che, analizzando il DNA fetale isolato da un campione di sangue della gestante, consente di determinare il Fattore Rh(D) fetale. Il test RhSafe® è opzionale, e viene eseguito su richiesta in gestanti Rh(D) negative, con partner maschile Rh(D) positivo.

Per maggiori informazioni o prenotazioni contattaci